/ 5 Sensi e oltre, CrEaTiViTà, Family friendly

Non so voi, ma io ho la memoria di un criceto!
Diciamo che fino ad una certa età non ci si accorge di questa cosa, ma poi, quando gli anni crescono e le esperienze pure, arrivano le serate del “ti ricordi quando…” e chi è come me, in quei momenti, non ha scampo.
Mi sono così resa conto che i miei amici raccontano situazioni, eventi, momenti passati anche da moltissimi anni e io nemmeno ricordo di averli vissuti…

Non è bello… sembra di essere in un altro corpo, estranea ad eventi che invece ho realmente trascorso con loro e non poterli riportare alla memoria a volte è uno strazio.

Ma dai…!!!! Perché io non ricordo niente?!?!?!

Mi ritrovo a cercare di rubare le loro emozioni, ad assorbire tutto anche ogni minimo particolare per fissarli nella mia memoria. Ma poi mi accorgo che se non li si immortala nel momento stesso in cui vengono vissuti, è davvero difficile che si riesca a farlo a posteriori.

Ascolto, ascolto e ascolto, a volte addirittura fingo di ricordare perché tutti partecipano alla conversazione apportando un pezzo di storia e io annuisco, rido e dico qualche parola giusto per esser parte anche io di quel remember! Come direbbe un mio carissimo amico….  Che situasiù!

Queste conseguenze ho voluto cercare di evitarle quando ho saputo di diventare mamma per la prima volta… Mi son detta che non avrei dimenticato i momenti trascorsi con i miei bambini nella quotidianità, non avrei scordato le loro paroline, i loro momenti più divertenti o più tristi.
Non avrei dimenticato i momenti in cui mi sarei sentita una cattiva madre per poi ricredere in me stessa e di certo non avrei dimenticato che ogni giorno in famiglia è stato un giorno speciale.
Sapete allora cosa ho fatto?

Stavo guidando, ascoltavo la radio e ad un certo punto è arrivata la canzone degli Zero Assoluto: “Sei Parte Di Me”

 
“E per ogni giorno mi prendo un ricordo 
che tengo nascosto lontano dal tempo, 
insieme agli sguardi veloci 
momenti che tengo per me”
 
 
Ho preso il testo alla lettera ed è nato il mio quaderno dei ricordi:
scrivere per ricordare

 

Non scrivo però ricordi veri e propri… ogni giorno, prima di andare a dormire (ora quando mi ricordo di farlo purtroppo) scrivo il momento più bello della giornata! Che sia sciocco, triste, tenero, divertente, banale… Qualunque esso sia, lo annoto su questo semplicissimo quaderno A4, per rileggerlo dopo qualche giorno o qualche mese!
Il trucco sta nel tenerlo riletto, per riuscire a non far scappare quel piccolo particolare di quella giornata! Vedrete che funziona! Magari non riuscirete con tutti tutti tutti, ma rivedendo le pagine tornerà la sensazione che avevate quel giorno e sorriderete… perché sarà bello non averla persa!
La stessa cosa mi succede riguardando le fotografie! Per la giornata della Festa della Mamma, vi avevo parlato dei 10 cambiamenti nei miei primi 10 anni da Mamma. Ecco qui quello il punto 8 della classifica:
La composizione è sempre in crescendo e ogni tanto ruoto l’ordine dei quadri per aver maggiormente visibili altre fotografie durante la salita o la discesa!
Ogni scala la stessa cosa:
L’indice punta una fotografia mentre la voce racconta quel momento…
E il cuore è felice
💖

Sharing is caring!

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*