/ 5 Sensi e oltre, Conclusioni, Emozioni, Felicità, Futuro, Obiettivo

Sul nuovo anno ne sentiamo davvero tante: non è un nuovo inizio ma una continuazione, non è un cambiamento ma la solita routine , non porta niente di nuovo se non siamo noi a muoverci, non è altro che un giorno dopo il 31 dicembre… e chi più ne ha più ne metta. Su Facebook si pubblica di tutto e di più, per dimostrare agli altri che a noi, del Capodanno non ce ne potrebbe fregare di meno. E’ un giorno come un altro.

Ma parliamoci chiaro… è anche vero che la dieta preferiamo iniziarla il lunedì perché ci da un senso di inizio fatto per bene. Organizziamo e pianifichiamo a settimane perché è comodo vedere cosa ci aspetta QUELLA settimana, non dal giovedì al lunedì, ma dal lunedì alla domenica. E avrei tanti altri esempi di scansione temporale da portarvi, ma sono certa che nella vostra quotidianità ne conoscerete tantissimi anche voi! E il 1° Gennaio funziona un po’ come un lunedì… un nuovo inizio!

Sono una persona molto schematica e ragiono per “To Do list” e non potrete mai convincermi che l’arrivo del nuovo anno non è un nuovo inizio! Perché lo è! Psicologicamente ci aiuta a fissare un punto da cui poter iniziare qualcosa: un progetto, una dieta, un nuovo atteggiamento, una serie di cose concrete.

Ci serve questo 1° Gennaio.

Ci serve per rompere la routine, per portare una ventata di nuovi propositi e buone intenzioni, per sfuggire alla monotonia della vita quotidiana, per non restare ancora con i piedi zavorrati.

Il 1° Gennaio non ci darà le ali, questo è certo. Ma non sminuiamolo come se avere un giorno dopo il 31 dicembre fosse una condanna. Dobbiamo essere grati di aver potuto varcare la soglia di un nuovo anno, 365 giorni di nuove opportunità. Opportunità che non verranno a suonarci molte volte il campanello. Forse una se siamo fortunati. Starà a noi decidere se guardare solo fuori dallo spioncino e sbuffare o se aprire la porta ed accoglierle.

Lasciamo che l’entusiasmo del 1° Gennaio sia per un po’ la forza motrice che ci aiuterà a creare nuovi progetti, a sentirci più vivi, a dedicarci agli altri, a praticare più gentilezza e meno noncuranza. Diamogli l’importanza che merita, come aprifila di un nuovo anno! Sono importanti anche gli altri 364 giorni dell’anno, questo è vero, ma il via lo da proprio lui! E senza il VIA non si parte!

Auguro a tutti voi di trovare nuovi spunti di felicità in questo 2019 che è appena iniziato! Con carta e penna e un po’ di determinazione sono certa che verranno a galla tante idee!

Dal canto mio, le settimane scorse ho concluso le ricerche per un nuovo progetto, ho stilato la lista dei nuovi laboratori per i bambini, ho dovuto, purtroppo, prepararmi per iniziare la tanto temuta fatturazione elettronica e ho fatto uno schema dei nuovi atteggiamenti che mi son prefissata di attuare in questo nuovo anno.

Ecco, a tal proposito vorrei consigliarvi un libro che letto proprio a fine dicembre: LA TUA SECONDA VITA COMINCIA QUANTO CAPISCI DI AVERNE UNA SOLA.

la tua seconda vita comincia quando capisci di averne una sola

Il titolo calza a pennello per il momento che sto attraversando e devo dire che si è dimostrato un’ottima guida con seri ma anche divertenti spunti da mettere in pratica! Ve ne parlerò più approfonditamente domani!

Stamattina ho anche iniziato un corso di Yoga mattutino! Lo so, è martedì ma è pur sempre il 1° Gennaio e soprattutto il percorso prevede 31 lezioni! Perfetto per questo mese! Vi racconterò anche di questo e di molto altro nei prossimi giorni!

Buon Anno di nuovo a tutti e… lasciate volare la vostra positività!!!

Sharing is caring!

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*